L. a. posizione di AMD sul fenomeno mining

(*1*) 

A seguito della decisione presa da NVIDIA riguardo l’intenzione di fare uscire una linea di prodotti dedicati al gaming tagliando drasticamente, al contempo, los angeles potenza di calcolo specifica sulle proprie schede video Ampere, operazione che nei fatti si è dimostrata disastrosa, anche AMD è intervenuta sull’argomento e consistent with bocca di Nish Neelalojanan, suo product supervisor, ha affermato “che non metteranno freni advert alcun carico di lavoro, mining compreso“.

Non sarà AMD, quindi, a decidere cosa possono o non possono fare i propri clienti con il loro {hardware}.

Nish ha poi continuato sottolineando come “los angeles gamma di prodotti RDNA2 siano stati specificamente orientati e ottimizzati consistent with i carichi di lavoro di gioco“.

Ci sono alcune “scelte architetturali” su RDNA2 che riducono automaticamente le prestazioni quando si tratta di mining come Infinity Cache, advert esempio, che offre un tangibile spice up a scapito della larghezza di banda della memoria complessiva (un aspetto di fondamentale importanza consistent with il mining).

Questo è il motivo consistent with cui los angeles most sensible di gamma Radeon RX 6900 XT offre più o meno le stesse prestazioni consistent with il mining di Ethereum di 54 MH/s della RX 5700 XT basato su architettura RDNA di precedente generazione.

Ne consegue, ovviamente, una maggiore attenzione dei miner verso i prodotti di casa NVIDIA che  con los angeles sua GeForce RTX 3090 è in grado di sfoderare un hashrate di ben 120 MH/s.

Ciò detto, non è un mistero che AMD stia lavorando su una linea di prodotti specifici basati su tecnologie precedenti in grado di soddisfare los angeles domanda di mining, come da noi già riportato in questa information.